Aspirina, ufficialmente anti-tumore in USA

Aspirina, ufficialmente anti-tumore in USA

Una banale dose di aspirina giornaliera può ridurre l'incidenza e la mortalita' per alcuni tumori. Ne sono convinti alcuni scienziati americani che per la prima volta hanno deciso di indicare l'aspirinetta (dose quotidiana, inferiore ai 100 milligrammi) anche come strumento da utilizzare in chi è esposto a maggior pericolo di cancro al colon. Nel corso degli ultimi anni, diverse ricerche scientifiche erano giunte a conclusioni simili fra loro: l'uso regolare della cardio-aspirina diminuirebbe le probabilità di ammalarsi di varie forme di cancro (primo fra tutti quello del colon retto) e nei pazienti che sono già stati colpiti dalla neoplasia abbasserebbe la mortalità, riducendo anche il rischio di sviluppare metastasi. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista specializzata "Annals of Oncology". L'indagine condotta in Gran Bretagna ha osservato che 10 anni di uso continuato di aspirina riducono l'incidenza dei tumori del colon del 35%, e dell'esofago e stomaco del 30%. Il report statunitense suggerisce poi l'uso di aspirinetta anche per la prevenzione di infarto, ictus, sottolineando che i pro della cura sovrasterebbero i contro soprattutto nelle persone tra i 50 e i 69 anni già a rischio di malattie cardiovascolari.